Coaching

Faccio in modo che le cose accadano e, poi, alzo l’astina

Lavoro con persone di ogni tipo: sesso, professione, cultura e religione affrontando con loro le tematiche più svariate. Non ho la sfera magica e non prescrivo ricette “per la felicità”; la mia funzione principale è quella di “fare da specchio” a te che sceglierai di iniziare un percorso di Coaching.

Molte persone che ho incontrato, durante il primo incontro mi hanno detto o che volevano fare più soldi, o che volevano cambiare la loro vita perché insoddisfatte, poche di loro mi hanno confermato già di essere felici, di aver raggiunto gli obiettivi che si erano messe in testa e che quindi volevano semplicemente migliorare il loro stato.

Credo che esista una notevole confusione rispetto al Coaching, ed è giusto dunque fare chiarezza: mi occupo di Life Coaching con una notevole propensione verso la sfera motivazionale.

Chiunque, me compresa, agisce per raggiungere un obiettivo prefissato solo se:

  1. Crede fermamente in quello che fa
  2. Vuole raggiungere la meta per aumentare il suo livello di benessere

Quando ci sono obiettivi da raggiungere, per cambiare e modificare ciò che non è più adatto alla nostra vita, le abilità del Coach che scegli sono indispensabili e fondamentali: io posso aiutarti a superare difficoltà e gli ostacoli che ti bloccano per “darti una nuova visione del fattore o della situazione X”, per eccellere hai bisogno di un Coach che ti motivi e ti sproni costantemente finchè non avrai acquisito le strategie per poterlo fare da solo.

Il nostro obiettivo sarà realizzare il tuo “pieno potenziale”!

I percorsi di Coaching non sono adatti a tutti, i Coachee che hanno difficoltà psicologiche o di natura psichiatrica, per etica professionale, vengono e verranno indirizzati ad altre figure professionali idonee, ad esempio: lo psicologo e lo psichiatra. Idem, se durante il percorso mi accorgessi di non essere più la figura professionale che fa al caso tuo per proseguire verrai indirizzato ad altri professionisti. Mi impegnerò sin da subito ad osservare, a rimanere in ascolto e a captare tutti i segnali che possono indurmi a suggerirti di rivolgerti ad un terapeuta professionista.

Esistono poi alcuni miti da sfatare:

  1. Il Coaching non serve solo alle persone che non riescono ad avere buone prestazioni ma al contrario a chiunque scelga di CAMBIARE PERCHE’ LO VUOLE.
  2. Ci vuole parecchio tempo prima che ci si possa accorgere dei primi cambiamenti e dei primi risultati ottenuti con il percorso di Coaching. FALSO! GIA’ NELLA PRIMA SESSIONE, CHIARENDOTI LE IDEE POTRAI TRARNE BENEIFICIO.
  3. Il Coaching non è solo per i dirigenti d’azienda ma bensì per ciascuna persona ne senta il bisogno, QUINDI ANCHE PER TE.
  4. I percorsi di Coaching non ti danno risposte ma bensì ti forniscono le domande giuste per poter aprire in te nuovi spiragli e spunti di riflessione. IN QUESTO MODO LAVOREREMO SULLA TUA SICUREZZA PERSONALE.
  5. Il Coaching non porta via tempo perché sei tu il protagonista del tuo percorso, certo però che se si inizia a “camminare insieme” ci saranno tempistiche da rispettare e scadenze per poter raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato.I PERCORSI DI COACHING SONO UN GROSSO INVESTIMENTO MA SE TI IMPEGNI PORTANO OTTIMI FRUTTI.
  6. I risultati del Coaching possono essere misurati. Una ricerca negli USA afferma che i dirigenti d’azienda che hanno scelti di essere affiancati da un Coach hanno migliorato le loro performance del 500%. DI FRONTEA A QUESTI DATI, ANCHE I PIU’ SCETTICI SI RICREDERANNO!

Il Coaching è una parte molto importante della mia vita, è una sfera ricca di soddisfazioni.
Posso vedere concretamente quanto il Coaching faccia sulle persone che ho incontrato, dando loro “nuove opportunità”.
Ringrazio tutti i miei Coachee per le fiducia che mi hanno dimostrato e da parte mia posso affermare che non smetterò mai di evolvere professionalmente.

Ti sprono a metterti in gioco, ora! Entra nel MasterMind LumenIdea oppure contattami!