“Conosci te stesso”

-Socrate-

I valori di Socrate

Socrate adottò come motto “conosci te stesso”.

Che cosa vuol dire?

Riconosci in primo luogo chi sei e successivamente proprio il sapere e la conoscenza ti permetteranno di conoscere te stesso e quindi di conoscere la via a te più adatta per vivere felice.

Esiste un solo bene, la conoscenza e un solo male, l’ignoranza, per vivere bene ed essere felici dobbiamo maturare moralmente.

La filosofia di Socrate è attuale oggi più che mai, è la strada giusta per poter leggere la nostra contemporaneità così complessa, ci insegna a riflettere, a metterci e a mettere in discussione la realtà che viviamo.

Meglio imparare parole a memoria per vanità o rispolverare i libri di filosofia?

E se poi un giorno, all’improvviso ti dicono che non puoi più uscire di casa, che devi mettere una mascherina, che non puoi più abbracciare i tuoi cari…, cosa te ne fai di tutte quelle parole imparate a memoria per compilare business plan o di quelle strategie di marketing pronte all’uso, nel bel mezzo di una crisi di panico?

Come affronti il fatto di accendere la Tv e scoprire che è scoppiata un’altra guerra, non troppo lontana da te?

Per affrontare la complessità bisogna rimettere in moto il pensiero, ormai assopito per molti, bisogna riscoprire la bellezza della critica, del dubbio, dell’autocritica, bisogna pensarsi come esseri fragili.

Quale materia se non la filosofia ci permette di riaprire lo stanzino della mente che ci porta al ragionamento?

Chiamo ora a testimoniare Platone, con il suo concetto di “irresistibile bellezza della conoscenza”, non è forse la filosofia la materia che non ha un fine legato all’utilità “del fare” ma coltiva “l’essere”?

Con Schopenhauer possiamo comprendere la cinicità e la continua provocazione dell’uomo contemporaneo, con Nietzsche, Aristotele, Marx altre sfumature che caratterizzano la nostra contemporaneità.

Non è forse collegamento ovvio unire il pensiero di Nietzsche con quello del caro Bauman?

Saper cogliere le diverse sfaccettature dell’esistenza

Dobbiamo riabituarci a pensarci come pensatori e non solo come esecutori, anche il mercato del lavoro di oggi cerca menti creative e non più i famosi “Yes man” degli anni passati.

Oggi nessuna laurea è sinonimo di lavoro certo ma al contrario una mente ben allenata lo è, perché sa porsi domande giuste, coltivare idee ed essere curiosa.

La filosofia è fondamentale in ogni momento della nostra vita, è capace di darci gli strumenti per disintegrare una certezza per poi poterla ricostruire.

La filosofia è “il dubbio”, perché il mondo del lavoro di oggi non lo è nelle sue continue transizioni? E la “società liquida” citata da Bauman non pone l’uomo nel dubbio?

L’essere umano è vulnerabile, conosci te stesso e ti ritroverai ad avere le risposte per ogni contesto.

 

 

 

 

Leave a Reply