L’era delle Soft Skills, inizia proprio dal capire che cosa siano le Soft Skills?
Essere impeccabile tecnicamente oggi non basta più: le Hard Skills (le competenze che possono essere valutate con rapidità: titolo di studio, conoscenza delle lingue, delle competenze tecniche, ecc…leggendo il tuo Cv, indispensabili per selezionare un futuro collaboratore ma non bastevoli per scegliere un professionista piuttosto che un altro) sono importanti ma per raggiungere davvero il tuo obiettivo devi iniziare ad allenare le tue Soft Skills ed il Pensiero Positivo.
Ribalta il paradigma che ti tiene legato a cosa non funziona e concentrati invece su cosa è per te funzionale e fonte di benessere.
Per Soft Skills si intendono tutta quelle competenze trasversali che nella vita professionale sono importanti, ad oggi, quasi più delle competenze tecniche (Hard Skills).
Le Soft Skills, sono quelle competenze/abilità che portano la persona ad essere capace di far fronte in maniera efficace alle richieste e alle sfide della vita di tutti i giorni.
Nel 2021 dobbiamo renderci conto che è arrivato indiscutibilmente il momento di aprire gli occhi ed iniziare a coltivare nuove abilità, il cambiamento non ti aspetta, o lo cavalchi o ti lascia indietro.
Le problematiche a cui andiamo incontro oggi nella nostra vita e specialmente nel mercato del lavoro sono complesse, non solo tecnicamente difficili; se fosse esclusivamente così le macchine potrebbero sostituirci ma nella complessità solo l’intelligenza umana è competente.
Avete ad esempio, mai visto collaborare delle macchine? No. Delle persone? Spero di sì.
Le Soft Skills da allenare quotidianamente sono 11:

1 SAPER PRENDERE DECISIONI
2 CREATIVITA’
3 SENSO CRITICO
4 AUTOCONSAPEVOLEZZA
5 COMUNICAZIONE EFFICACE
6 CAPACITA’ RELAZIONALI
7 GESTIONE DELLE EMOZIONI E DEL CONFLITTO
8 GESTIONE DELLO STRESS
9 EMPATIA
10 UMORISMO
11 PROBLEM SOLVING

Queste sono Skills che non appartengono e non potranno mai appartenere alle macchine, ai robot, loro possono batterci su altri campi, ad esempio la velocità ma non su queste abilità, neanche in futuro.
Dal cuore, dico ai ragazzi, specializzatevi, studiate ma dovete aver ben chiaro, anche se ancora state vivendo all’interno dei contesti scolastici che cosa accade nel mondo del lavoro, la situazione economica italiana, europea e mondiale, quali danni ha causato e causerà la pandemia ecc..
Cercare lavoro è un’impresa ardua, durante gli ultimi colloqui orientativi ho sentito molti, troppi studenti arrivati in 5°liceo, dirmi: “mi scrivo alla facoltà di medicina perché nella mia vita voglio fare i soldi” e ancora “i soldi faranno la mia felicità” oppure “mi iscrivo alla facoltà di economia così non ci saranno imprevisti e avrò una carriera brillante”, ragazzi miei…ma dove vivete?
Che idea avete di successo? Che cosa vi stanno inculcando nella mente gli adulti che avete attorno? Ancora la vecchia e becera mentalità del “posto fisso?”
Oggi per fare carriera servono indiscutibilmente hard skills, soft skills, formazione continua e tanta tantissima voglia di uscire dalla propria zona di comfort ed entrare nella zona di rischio, per rimanerci e apprendere ogni giorno qualcosa di nuovo.
Diceva Warren Beatty, attore, produttore, cinematografico, sceneggiatore e regista statunitense:
“Hai raggiunto il successo nel tuo campo quando non sai se quello che stai facendo è lavoro o gioco” ma per raggiungere questo obiettivo, è necessario partire dal primo gradino, sempre.

Costanza

Leave a Reply